Crea sito

Euphorbia pulvinata

  1. Origine e Habitat: Sud Africa (Natal), Lesotho. Si trova da sud a Queenstown, a nord, attraverso e lungo il Lesotho, i Drakensbergen, lo stato libero e il kwazulu Natal fino a Zoutpansbergen nella provincia settentrionale, Limpopo, Mpumalanga
    Habitat: Cresce prevalentemente in zone pianeggianti su pianura gessosa, calcarea o limo con molta pioggia, fino a 1000 mm all’anno, e talvolta anche con la neve. In alcune località è la vegetazione più dominante, spesso cresce insieme all’Euforbia esculenta , all’Euphorbia mammillaris , all’Euforbia cuneata , all’acacia sp. , Commiphora sp. , Maerua sp. , Turraea parvifolia , Boscia minimifolia , Andropogon kelleri , Lactyloctenium robecchii , Crotalaria Fagonia e Cleome brachycarpa .
    Descrizione: Si tratta di un gruppo dioico a crescita bassa (con distinti esemplari maschili e femminili) succulento, che in natura forma imponenti pulvini giganti (cuscini), composti da diverse migliaia di piccole teste spinose. Nel terreno rende un cuscino sorprendente fino a 1,5 (o più) metri di altezza e di diametro. Alcune piante molto vecchie devono avere 40.000 teste o più !!! A volte diverse piante sono aggregate in masse fino a tre metri di diametro.
    Stelo: corto, globoso, solitamente a 7 angoli (ma occasionalmente fino a 10 angolati), diventando colonnare con numerosi rami dalla base, rami per lo più semplici, senza foglie, spinosi lunghi 2,5-15 cm, 2,5-3,5 (-5) cm di spessore, molto ottusamente arrotondato alle estremità con l’apice leggermente depresso, verde, glabro; angoli sub-acuti, leggermente crenati, con ampi solchi triangolari di circa 2-4 mm di profondità tra loro, che si appiattiscono con l’età; La forma più comune in coltivazione ha teste globose grasse compatte che raramente superano i 12 cm di altezza
    Foglie: rudimentale, lunga 2-30 (-50) mm, lineare-lanceolata, acuta, decidua, lasciando piccole cicatrici bianche.
    Spine (peduncoli sterili modificati): dal bianco al viola (a seconda della stagione) 1-2 cm di lunghezza, solitario e irregolarmente sparsi lungo gli angoli, di solito 1-1,5 cm di distanza, a volte più vicino, con qualche minuto di scala- come brattee sparse lungo di loro quando erano giovani, glabri.
    Fiori: dioici (con cationi solitari su distinti esemplari maschili e femminili) Involucri raggruppati all’apice dei rami, sessili o subsessili, nella pianta maschile di circa 4-5 mm e nella femmina circa 2-3 mm in diam., A breve e largamente a forma di coppa, glabra, rosso porpora scuro, con 5 ghiandole e 5 lobi trasversali o dentellati o subentire trasversalmente; le ghiandole del nettare 5-6 distinte, 1-1,5 mm nel loro diametro maggiore, trasversalmente ellittiche-oblunghe, tutto viola scuro; ovaio sessile, ma che supera l’involucro, glabro; stili lunghi 1,5-2 mm, robusti, uniti per quasi la metà della loro lunghezza, quindi sparsi, a 2 lobi all’apice;
    Frutto: capsula di circa 4-5 mm di diametro, sessile, ottusamente a 3 angoli;
    Semi: 2-3 mm di lunghezza, ovoidali o piuttosto a forma di pera, lisci, glabri, marrone chiaro.
    Note: L’Euphorbia pulvinata ha una vasta area di distribuzione ed è una specie molto variabile. Le piante della zona di distribuzione settentrionale si differenziano nettamente da quelle del sud: una forma densa di cuscini fino a 30 cm di altezza, l’altra con pochi steli, fino a 1 m di altezza (quella più piccola è la più comune nella coltivazione). La differenza tra le popolazioni è la frequenza dell’aspetto in cui queste forme si verificano. Quindi può succedere che due individui di due diverse popolazioni possano sembrare molto simili e anche due piante della stessa popolazione possono avere un aspetto molto diverso. Tuttavia, quando guardi l’intera popolazione, puoi vedere la differenza di una popolazione da un’altra.
    Sottospecie, varietà, forme e cultivar di piante appartenenti al gruppo Euphorbia pulvinata
    Euphorbia pulvinata Marloth
    Euforbia pulvinata cv. Nana (forma nana)

    Note: L’ Euphorbia pulvinata appartiene a un gruppo di piante, insieme alle specie strettamente correlate Euphorbia ferox ed Euphorbia aggregata , che possono essere riconosciute dalla loro sorprendente forma di crescita. Sono costituiti principalmente da cuscini compatti, multipli ramificati e molto spinosi. Queste specie sono strettamente correlate e per un estraneo è molto difficile distinguerle. Ci sono differenze, però.